Naspi 2018

Da qualche anno la disoccupazione si chiama Naspi (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego)e ha subito delle variazioni per la richiesta.

Vediamo assieme a chi spetta e come poterla avere.

I BENEFICIARI:

-Lavoratori dipendenti
-Apprendisti
-Soci di cooperativa purché abbiano instaurato un rapporto subordinato
-Personale artistico sempre se a contratto subordinato
-Dipendenti a tempo determinato della Pubblica Amministrazione.
-I precari docenti e supplenti Scuola

Sono esclusi dal sussidio di disoccupazione:
-Dipendenti PA a tempo indeterminato e agli operai agricoli.

I requisiti per poterla richiedere :

1) Stato di disoccupazione

2) Almeno 13 settimane di contribuzione versata nei 4 anni precedenti al licenziamento

3) Almeno 30 giorni di effettivo lavoro nei 12 mesi precedenti l’inizio della disoccupazione

Ci sono due condizioni da soddisfare per aver diritto alla Naspi :

La prima e' che bisogna essere disoccupati e, per disoccupazione, si intende la perdita del lavoro INVOLONTARIA per cause indipendenti dal lavoratore.

Ci sono delle eccezioni che consentono comunque il riconoscimento del diritto:

-Maternità;
-Licenziamento per giusta causa
-Risoluzione consensuale (qualora sia intervenuta nell’ambito di una procedura conciliativa presso la Direzione -Territoriale del Lavoro)
-Licenziamento con accettazione dell'offerta di conciliazione proposta dal datore di lavoro entro i termini di impugnazione stragiudiziale del licenziamento
-Licenziamento a seguito del rifiuto del lavoratore a trasferirsi presso un'altra sede della stessa azienda distante più di 50 km dalla residenza del lavoratore e/o raggiungibile in più di 80 minuti con mezzi di trasporto pubblici.

-La seconda condizione è quella di aver dichiarato al centro per l’impiego la DID cioe' dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e partecipare alle misure di politica attiva del lavoro, come corsi della Regione o eventi di orientamento .

La dichiarazione ora può essere inviata anche via telematica assieme alla domanda Naspi all'INPS.

Screenshot_20180213-155017

CONTRIBUTI:

Al momento della presentazione della domanda Naspi all'inps, il lavoratore deve aver versato 13 settimane di contributi utili nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione.

I periodi UTILI sono anche i contributi figurativi accreditati per:
-maternità obbligatoria;
-congedo parentale, sempre se regolarmente indennizzato;
-astensione dal lavoro per malattia dei figli fino agli 8 anni di eta',nel limite di cinque giorni lavorativi nell’anno solare.

Non sono invece considerati UTILI ,anche se coperti da contribuzione figurativi :
-i periodi di cassa integrazione straordinario e ordinaria a zero ore,
-permessi sfruttando la legge 104 (assistenza di un familiare).

Questi periodi vengono neutralizzati non essendo utili al conteggio e aumentano il quadriennio di riferimento.

REQUISITI LAVORATIVI:

Per poter ricevere la Naspi il lavoratore deve aver lavorato almeno 30 giorni nei 12 mesi precedenti alla disoccupazione, indipendentemente dalla durata oraria delle giornate lavorative.

Ci sono però dei casi in cui l'arco dei 30 giorni da prendere in esame, può essere ampliato:

-malattia e infortunio sul lavoro;
-cassa integrazione straordinaria ed ordinaria a zero ore;
-assenza per congedi e/o permessi 104;
-congedo obbligatorio di maternità;
-congedo parentale.

COME FARE LA DOMANDA:

La domanda deve avvenire entro 68 giorni dal licenziamento, ovvero, dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.
A seconda quindi del giorno in cui viene presentata per via telematica la domanda Naspi, l'erogazione degli importi ha un termine diverso:

Se la domanda va presentata entro 8 giorni dal licenziamento:
il pagamento da parte dell'Inps inizia a decorrere dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro.

Se la domanda è presentato dopo 8 giorni:
il diritto decorre dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda;

In caso di malattia, maternità o infortunio: la decorrenza parte dall’ottavo giorno successivo al termine dell’evento, sempre se la domanda è presentata entro l’ottavo giorno.

La disoccupazione NASpI può essere richiesta tramite i consueti canali telematici:
-tramite servizi INPS se si e' in possesso del codice personale tipo dispositivo nella sezione 'online per il cittadino'
-tramite patronato
-tramite contact center INPS numero verde 803164 gratuito da fisso e 06164164 da mobile a tariffazione al minuto

Il lavoratore deve presentare per via telematica la domanda di disoccupazione all'INPS e sottoscrivere la DID (dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di un'attività lavorativa)che e' obbligatoria.

ll lavoratore viene convocato dal centro per l’impiego per effettuare il primo colloquio conoscitivo.

Il lavoratore disoccupato viene iscritto all'ANPAL.(Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro)

Al lavoratore viene fatto sottoscrivere il cd. Patto di Servizio Personalizzato.

CALCOLO NASPI:

Per calcolare l’ammontare dell’indennità bisogna:sommare gli imponibili previdenziali degli ultimi 4 anni,dividere il risultato per le settimane di contributi e moltiplicare il tutto per 4,33.Se l’importo che si ottiene è pari o inferiore a 1.208,15 euro, l’indennità sarà il 75% di questo importo; se è superiore si aggiunge anche il 25% della differenza tra l’imponibile e i 1.208,15 euro.

La Naspi non può mai superare, comunque, 1.314,30 euro mensili.

L’indennità diminuisce del 3% al mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

DURATA:
La durata verra 'corrisposta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni, fino ad un massimo di 24 mesi.

Autore dell'articolo: Elena

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami