Rei (reddito di inclusione): al via le domande

Oggi è il primo giorno utile, per presentare domanda al fine dell'ottenimento del Rei. L'inps con apposita circolare  ha chiarito i requisiti necessari e le modalità per la richiesta. L'agevolazione riordina le prestazioni di natura assistenziale e sostuisce il Sia e l'Asdi. Il Rei è una misura permanente per il contrasto delle povertà. Il tetto massimo è di 485 euro per le famiglie con difficoltà con almeno 5 componenti. Il sussidio sarà affiancato da un progetto personalizzato volto all'uscita dallo stato di bisogno.

 

I requisiti: Il Rei viene riconosciuto ai nuclei familiari che hanno un'Isee inferiore al 6.000 euro e un patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro. E' corrisposto ai cittadini comunitari ed extra comunitari con permesso di lungo soggiorno, che hanno da almeno 2 anni residenza continuativa in Italia.

La durata è di 18 mesi per la prima domanda, 12 mesi per il rinnovo che può essere proposto trascorsi 6 dalla corresponsione dell'ultima mensilità. Esso verrà versato su una carta di pagamento elettronica  che può essere utilizzata anche per prelievi di contanti per un valore pari al massimo alla metà dell'importo.

La presentazione  della domanda va fatta ai comuni che invieranno le informazioni all'INPS entro 15 gg. L'istituto una volta controllati i requistiti riconosce il diritto previa firma del progetto personalizzato volto all'uscita dallo stato di bisogno  attraverso progetti  di occupazionali per la persona che ne fa richiesta.

Per aggiornamenti sui pagamenti clicca qui

Autore dell'articolo: hashtag17

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami